Parker, gli elettrocilindri ETH guadagnano 2 nuovi brevetti

0
207

Parker Hannifin ha ottenuto due importanti brevetti per i suoi elettrocilindri ETH. I brevetti hanno come finalità quella di ridurre i tempi di messa in servizio e manutenzione oltre a limitare al minimo i tempi di fermo macchina.

Il primo brevetto vede l’introduzione di un unico punto di lubrificazione che permette l’inserimento del grasso in pochi secondi, senza la necessità di smontare le parti del cilindro. Al centro degli ETH si trova una vite a sfere di alta qualità e precisione, progettata per garantire un funzionamento regolare su tutta la gamma di velocità. Sappiamo però che tutte le viti a ricircolo di sfere necessitano di una lubrificazione nel corso della loro vita utile. Per semplificare questo processo e risparmiare tempo, gli ingegneri di Parker hanno sviluppato un punto di lubrificazione integrato. L’attacco protetto da brevetto, si trova sul blocco-alloggiamento del cuscinetto posteriore del profilo di estrusione.

Il secondo brevetto di Parker per i cilindri ETH riguarda il tensionamento della cinghia dentata che accoppia la vite a sfere ad un servomotore montato in parallelo. Quando si cerca un trasferimento di coppia ottimale, la tensione della cinghia deve essere regolata alla perfezione. Parker ha messo a punto un sistema di tensionamento intelligente capace di aumentarne l’affidabilità e tagliare il tempo necessario a svolgere questa operazione.

Il principio di tensionamento basato su un semplice sistema di cinghia dentata, perni filettati e controdadi, aiuta ottenere la tensione ottimale. Grazie a questo secondo brevetto la manutenzione risulta notevolmente semplificata. Ad esempio, se un cliente ha necessità cambiare il motore, non è necessario regolare nuovamente la tensione della cinghia.

L’elettrocilindro ETH di Parker è stato progettato per colmare la distanza tra esistente tra gli attuatori pneumatici e quelli idraulici, fornendo un’alternativa affidabile ed economica ad entrambe le tecnologie per svariate applicazioni industriali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here