MECSPE 2018, cultura e tecnologia al servizio delle persone

0
303

Tecnologia umana al servizio delle persone, che pone l’individuo al centro ed è in grado di intercettarne desideri e bisogni. Sembra essere questa la nuova frontiera dell’esperienza digitale, secondo il recente studio “Accenture Technology Vision 2017” dedicato al rapporto tra tecnologia e persone, che individua in questo stretto legame e nella creazione di una tecnologia progettata per adattarsi al comportamento del singolo, i principali trend emergenti che avranno il maggiore impatto sul mercato e nel mondo nell’arco dei prossimi tre anni.

Una trasformazione che va di pari passo con il processo in corso chiamato Industria 4.0, e che vedrà nella prossima edizione di MECSPE, la manifestazione del manifatturiero 4.0 promossa da Senaf (Fiere di Parma, dal 22 al 24 marzo 2018), un punto di riferimento importante per comprenderne lo stato di avanzamento, grazie alla promozione della cultura digitale e delle competenze necessarie per approcciarsi ai moderni strumenti tecnologici.

Tener conto del comportamento specifico delle persone permette di migliorare non solo la relazione con i dipendenti, ma anche la qualità del loro lavoro e la produttività – ha sottolineato Emilio Bianchi, direttore di Senaf. Un presupposto fondamentale, quello della centralità delle risorse umane, che insieme alla conoscenza approfondita della tecnologia e all’utilizzo consapevole dei nuovi strumenti, è diventato uno dei punti indispensabili per definirsi un’impresa dell’era Industria 4.0. Su questo tema lo scenario emerso dall’Osservatorio del Politecnico di Milano mostra segnali positivi, con un livello di consapevolezza sul tema da parte degli imprenditori cresciuto in un anno dal 62 al 92%, ed un mercato che nel nostro paese vale già 1.7 miliardi di euro. Siamo fiduciosi che l’Italia stia recependo la sfida in gioco per il proprio futuro economico, ma per continuare in questa direzione e cogliere tutte le opportunità possibili, servono competenze e skill, che si possono ottenere solo attraverso lo studio e l’aggiornamento costante”.

Per contribuire alla definizione di una mappa competitiva per il sistema produttivo delle Pmi italiane, tutte le iniziative speciali della prossima edizione di MECSPE saranno rivolte ad esaltare la flessibilità, l’efficienza e il contenimento dei consumi nella fabbrica di oggi e di domani, attraverso gli elementi distintivi della quarta rivoluzione industriale, come l’additive manufacturing, la robotica collaborativa e le innovazioni dell’interfaccia uomo-macchina, l’Internet of Things, l’industrial internet e il cloud manufacturing. Il tema della “Fabbrica digitale 4.0” sarà raggruppato nuovamente in fiera in un intero padiglione (Pad. 4), dove il visitatore potrà toccare con mano lo stato dell’arte del “manufacturing made in Italy”, ammirando come dall’integrazione delle tecnologie abilitanti si delinei un manifatturiero sempre più evoluto e interconnesso. Poiché inoltre i materiali e le relative tecnologie rappresentano un aspetto sempre più determinante nella definizione dei processi, è nato il “Nuovo salone dei materiali non ferrosi e leghe” (alluminio, titanio, magnesio, compositi e tecnologie), un’ulteriore area che, con dimostrazioni pratiche e conferenze tematiche, offrirà ai visitatori interessanti spunti di trasferimento tecnologico e soluzioni innovative di progettazione e realizzazione di manufatti leggeri.

Ma MECSPE non si ferma a Parma. Il racconto per un’alternativa italiana al modello Industry 4.0 proseguirà con 3 tappe aggiuntive di avvicinamento dei “Laboratori MECSPE – Fabbrica digitale, la via italiana per l’industria 4.0”, convegni itineranti per fare chiarezza e accompagnare le imprese nel percorso verso la digitalizzazione avviato dal Piano Nazionale Industria 4.0. I talk in programma avranno come focus “Plastica e Automotive” (Modena, 9 ottobre), “Alluminio, Titanio, Magnesio e Motorsport” (Brescia, 13 novembre), “Materiali Compositi e Aerospazio” (Napoli, 5 febbraio) e vedranno il confronto tra imprenditori e associazioni, con la presentazione di scenari economici, modelli interpretativi del fenomeno e casi eccellenti di innovazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here