Fondo di garanzia Pmi, arriva un rating a 5 classi

0
338

Si chiariscono i criteri di accesso al fondo di garanzia per il finanziamento delle piccole e medie imprese definiti dal nuovo decreto di riforma, che li disciplina definendo l’articolazione delle misure massime di garanzia sulle operazioni finanziarie. In questi mesi si stanno tenendo, a ritmo serrato, le varie tappe del roadshow organizzato dal gestore del fondo in tutta Italia per spiegare le novità. “Il processo di riforma del fondo – aveva detto il sottosegretario allo Sviluppo Economico Antonio Gentile, rispondendo a un’interrogazione in merito presso la commissione Attività produttive della Camera dei Deputati – nasce dalla necessità di perseguire una duplice finalità: aumentare l’efficacia e l’efficienza dello strumento e rendere, al contempo, il fabbisogno finanziario necessario per il suo funzionamento compatibile con gli equilibri della finanza pubblica“. La riforma ruota attorno all’introduzione di un nuovo modello di rating più accurato e finalizzato alla valutazione del merito creditizio delle imprese sulla base del credit-scoring. Ciò permette di rendere più selettivi gli interventi del fondo, offrendo la possibilità di intervenire davvero a sostegno delle realtà realmente necessitate. Fra gli altri obiettivi della riforma vi sono: la creazione di più ampi margini per interventi di altre amministrazioni e altre istituzioni di sviluppo con lo scopo di finanziare operazioni realmente addizionali; il riorientamento del fondo verso le operazioni finanziarie a medio-lungo termine e gli investimenti. Inoltre, si persegue l’obiettivo di rendere neutro l’intervento del fondo rispetto alla tipologia di soggetto richiedente e riequilibrando, dunque, il trattamento tra garanzia diretta e controgaranzia che, durante la crisi, sotto la morsa del credit crunch, si era effettivamente perso.

Lo schema di decreto prevede una scala di valutazione composta da 5 classi di merito creditizio dal rischio più basso a quello maggiormente elevato: si va dalla prima classe, con tasso default 0,12% e rischio basso, alla quinta, con tasso oltre il 9,43% e rischio elevato. In mezzo, la seconda classe (1,02%, rischio contenuto), la terza (3,62%, rischio accettabile), la 4 (9,43%, rischio significativo). Fatte salve alcune eccezioni, verranno ritenute ammissibili agli interventi del fondo le imprese appartenenti alle prime 4 classi di rating. L’articolazione delle misure massime di garanzia sulle operazioni finanziarie sarà funzione della classe di rating del soggetto beneficiario, determinata sulla base del modello di valutazione, e della durata e della tipologia dell’operazione finanziaria, sia per la garanzia diretta che per la riassicurazione. Sono inoltre previsti criteri specifici di ammissibilità e di copertura per particolari categorie di finanziamenti-operazioni finanziarie. Le disposizioni del decreto si applicheranno a decorrere dalla data di pubblicazione di un successivo decreto di modifica del Regolamento del Fondo, che potrà essere emanato a partire dal 1º gennaio 2018, “a conclusione di un congruo periodo di sperimentazione nell’applicazione del modello di valutazione con riferimento alle richieste di garanzia sui finanziamenti della Nuova Sabatini e previa verifica della compatibilità con gli equilibri della finanza pubblica“. Unica eccezione è prevista per le operazioni a rischio tripartito “per le quali le relative condizioni di ammissibilità e disposizioni di carattere generale possono essere emanate anche antecedentemente alla predetta data“.

Il fondo per le Pmi è uno strumento istituito con Legge n. 662/96 (art. 2, comma 100, lettera a) e operativo dal 2000. La sua finalità è quella di favorire l’accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie attività produttive mediante la concessione di una garanzia pubblica che si affianca e spesso si sostituisce alle garanzie reali portate dalle società. Grazie al fondo l’impresa può concretamente ottenere finanziamenti senza garanzie aggiuntive (e quindi senza costi di fidejussioni o polizze assicurative) sugli importi proposti dal fondo, che non eroga comunque contributi in denaro. Secondo le ultime rilevazioni, oltre il 99% delle imprese ha avuto accesso al finanziamento con la copertura del fondo in assenza della presentazione di garanzie reali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here