Fanuc Italia: un anno di successi

Image Resized at http://www.shrinkpictures.com

È stato un anno ricco di avvenimenti e soddisfazioni, quello di Fanuc Italia: dal 1° aprile 2014, giorno in cui si sono riunite in un’unica struttura le tre business unit CNC, Robot e Robomachine, il team italiano ha lavorato per far crescere il fatturato e assicurare al gruppo un ruolo da protagonista in un mercato altamente competitivo.

Il debutto a Plast con l’esibizione della gamma di macchine Roboshot per lo stampaggio a iniezione 100% elettrico, così come la presentazione di CR-35iA, il primo robot collaborativo Fanuc (l’unico al mondo in grado di sollevare fino a 35 kg), rappresentano il compimento di un percorso che ha visto impegnarsi l’intera squadra italiana, riunita sotto il nuovo motto “Service first”, con l’obiettivo di mettere il cliente e le sue esigenze al primo posto, insieme alla garanzia di affidabilità e professionalità che da sempre contraddistinguono il brand.

Marco Ghirardello, direttore generale di Fanuc Italia, ha commentato: “A un anno di distanza posso affermare che il processo di fusione organizzativa è pressoché concluso. L’accorpamento ha migliorato le sinergie del gruppo grazie ad un unico punto di riferimento per i nostri clienti. In questo anno abbiamo ottenuto la crescita più alta mai registrata da Fanuc in Italia e abbiamo aumentato il numero dei nostri dipendenti”.

La crescita cui fa riferimento Ghirardello è trasversale, ovvero riguarda tutte e tre le divisioni di Fanuc, e ha visto sempre più costruttori di macchine già clienti per i CNC completare le proprie linee con i robot per offrire soluzioni automatiche ancora più integrate. La presenza di un interlocutore unico rappresenta un enorme vantaggio soprattutto per i clienti che esportano le loro macchine all’estero, in quanto l’assistenza può essere effettuata in qualunque parte del mondo e da qualsiasi filiale Fanuc. Il claimService first” sottolinea l’impegno della compagnia nei confronti dei partner, e indica l’investimento fatto per fornire un’assistenza postvendita ancora più veloce e capillare.

Il mercato delle macchine utensili appare in ripresa – ha aggiunto Ghirardello. In Europa le soluzioni basate sulle presse elettriche non sono ancora molto diffuse, ma con la partecipazione a Plast abbiamo potuto riscontrare molto interesse e stiamo lavorando per diffondere la cultura dello stampaggio plastico elettrico anche qui da noi”.

L’impegno del team Fanuc Italia ha permesso alla divisione italiana di diventare la 2° filiale in Europa per volume di affari e numero di dipendenti, preceduta soltanto dalla Germania. Questo è uno dei motivi che hanno favorito la nomina di Marco Ghirardello, già direttore generale di Fanuc Italia e general manager di Fanuc Turchia, a vice presidente di Fanuc Europe. Nel suo nuovo ruolo, gli è stata affidata anche la supervisione di Fanuc Bulgaria, che coordina le filiali in Bulgaria, Ungheria, Romania, Grecia e Albania.

Il Sud-est Europeo è un mercato che attualmente offre buone opportunità di sviluppo, per via dei numerosi investimenti in corso da parte delle case automobilistiche e allo sviluppo di applicazioni emergenti – ha sottolineato Ghirardello. Insieme al Medioriente, il Sud-Est europeo rappresenta un’area strategica per l’Italia, che con queste regioni ha relazioni economiche importanti e nei confronti delle quali Fanuc Italia può ora garantire un’assistenza più efficiente e fornire un’interfaccia unica. Inoltre, Fanuc Bulgaria è la prima filiale aperta in Europa, una roccaforte storica del gruppo nel vecchio continente”.

La crescita di Fanuc Italia si completa con la realizzazione della nuova sede centrale, la cui inaugurazione è prevista per la fine dell’anno. Si tratta di una struttura di 12 mila m² nei pressi di Arese, dove è localizzata la sede attuale; uno spazio che comprenderà uffici amministrativi e operativi, magazzino, un’area training per i partecipanti ai corsi della Fanuc Academy e un’area specificatamente dedicata ai test dei prodotti. “I nuovi uffici di Fanuc Italia costituiscono un importante segnale: la casa madre crede nel mercato italiano e nelle opportunità che offre, e con questo investimento dimostra di supportare il lavoro e l’impegno del nostro team”, ha concluso soddisfatto Ghirardello.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here