L’Europa tira o molla?

0
172

bandiera europaOggi tutti cercano storie; storie da raccontare, da scrivere, da sfruttare, da adattare alle proprie necessità, alle circostanze. Questa voglia di sventolare senza complessi smoderatezze festaiole, intemperanze politiche, sfrenatezze tributarie e quant’altro rimanda ai tratti fondamentali di un marketing politico, studiato apposta per ogni fetta di pubblico: la vita come entusiasmo, il lavoro come un diritto, la globalizzazione come metafora di vita, il tutto personalizzato.

Prendiamo l’Unione Europea, grande divoratrice di storie. I giornali, le riviste, la radio, la televisione masticano righe e ore di telenovelas sulla caduta delle barriere doganali, di sceneggiati commerciali, di accordi d’avventura, d’impegni… Eppure nel nostro travagliato paese è difficile imbattersi in una storia di politica industriale vera; una storia che non obbedisca alle solite regole dei finanziamenti che lo Stato non ha dato e che avrebbe dovuto dare, alle solite formule assistenziali. Oggi, convivono storie scottanti e preziose e occorre davvero tanta abilità per tirar fuori il segreto del successo delle imprese: le piccole devono impegnarsi con tutte le loro forze per risolvere i problemi posti dallo sviluppo, in primo luogo affrontandoli al loro livello, che è quello operativo. La politica industriale dovrebbe – ma non lo è – corrispondere a più ampi obiettivi d’interesse generale, che spetta al governo individuare e perseguire con adeguati mezzi: per esempio, la riduzione delle tasse e del costo del lavoro.

Vedo molte motivazioni in questo appello: la nostra industria si presenta all’Unione Europea e al mercato globale con punti di forza e di debolezza; tra i punti di forza ci sono la maggior vivacità del nostro ceto imprenditoriale, la voglia di intraprendere; tra i punti di debolezza c’è l’aspetto dimensionale, al quale si accompagna inevitabilmente un certo ritardo nell’acquisizione di soluzioni tecnologiche che implicano risorse e livelli organizzativi.

Il passato e il presente della storia dell’industria italiana sono da dimenticare. Guardandola con cinismo, la politica industriale assistenziale rappresenta un unicum nel campo della retroguardia e quindi del fallimento; agli imprenditori non piace la parola assistenza; la trovano avvilente. Però credono che la politica industriale dello Stato debba essere attraente, più o meno come avviene per uno spettacolo. Da un lato ciò significa favorire, anche attraverso un’opportuna normativa fiscale (sigh!), tutte le operazioni che possono portare non solo a salvaguardare la competitività delle imprese, ma anche e soprattutto a incrementarla. Dall’altro lato è necessario incoraggiare le imprese minori a intraprendere comportamenti competitivi di più alto livello, possibili nell’ambito di strategie adeguatamente specializzate. Questo punto, a ben vedere, riguarda tutto il progetto del mercato unico europeo. Se non riusciremo noi italiani a pretendere un arredo statale a disposizione di un’industria sana, forte ed europea, cioè un sistema di indicazioni e di servizi efficiente, non saremo più fra i primi esportatori e produttori nell’ambito dell’Unione Europea.

L’Italia è una nazione viva, ma a rischio, abitata da una miriade di piccole imprese prive di specifici strumenti di incentivo per la ricerca e sviluppo. Gli interlocutori appartenenti alla sfera dei poteri legislativi e di Governo devono avere il coraggio di decidere. Altrimenti le piccole industrie saranno le prime vittime dell'”ambiente europeo“.

di Enzo Guaglione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here