Modulo di sicurezza Pilz PNOZ s50

0
209

Il nuovo modulo di sicurezza PNOZ s50 di Pilz permette di comandare due freni contemporaneamente, in sicurezza e senza contatto. Il modulo soddisfa inoltre i requisiti di sicurezza previsti per il settore degli assi verticali: il peso dei carichi sospesi, ad esempio nel caso di impianti di carico e scarico, macchine utensili, dispositivi di sollevamento e nella tecnologia collegata ai macchinari di scena, può essere sufficiente per far discendere l’asse in maniera incontrollata e involontaria. Grazie a tempi di trigger ridotti, il modulo di sicurezza aumenta in modo sensibile l’efficienza energetica degli impianti.

Il modulo di sicurezza PNOZ s50 con funzione di arresto di emergenza è progettato per il comando di freni di sicurezza o di arresto da 24/48 Volt DC con assi verticali fino a PL “e” secondo EN ISO 13849-1 e SIL CL 3 secondo EN/IEC 62061. La particolarità di questo prodotto è la possibilità di comandare contemporaneamente due freni – anche di diversi costruttori – con un unico modulo di sicurezza. Grazie all’elevata corrente di uscita (3,5 ampere), PNOZ s50 è in grado di gestire freni estremamente potenti per carichi pesanti.

Per ridurre i tempi di trigger e aumentare l’efficienza energetica degli impianti, il nuovo modulo Pilz dispone della funzione di modulazione dell’ampiezza degli impulsi per la riduzione della tensione. Un’ulteriore novità è rappresentata dall’utilizzo della tecnologia senza contatto, che quindi non comporta usura, a 24/48 Volt DC.

A seconda dei requisiti di sicurezza, PNOZ s50 può essere utilizzato in combinazione con la soluzione Safe Motion PMCprotego DS di Pilz, che è dotata anche della funzione di test di sicurezza dei freni (SBT). Come altri dispositivi della famiglia PNOZsigma, PNOZ s50 dispone di un selettore rotativo per una navigazione semplice e agevole nel menu e l’impostazione dei parametri desiderati. In questo modo è possibile risparmiare tempo in fase di allestimento, poiché non è necessario utilizzare PC o software.

Eventuali anomalie dei dispositivi frenanti dovuti a usura o interruzione dell’alimentazione rappresentano le cause principali della discesa incontrollata o della caduta di carichi sospesi. PNOZ s50 contribuisce notevolmente al controllo dei rischi correlati agli assi verticali. Campi applicativi tipici degli assi verticali sono ad esempio impianti di carico e scarico, macchine utensili, dispositivi di sollevamento e macchinari di scena.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here