Haas e Cyrtina: la partnership del sorriso

0
173

Con sede nei pressi di Amsterdam, in Olanda, Cyrtina BV si è evoluta da un centro di fresatura che utilizzava macchine su tre assi per la produzione di pezzi semplici, fino a diventare un fornitore di corone e ponti più complessi, che possono essere forniti direttamente al dentista, senza l’intervento di un odontotecnico.

Circa quattro anni fa, Cyrtina produceva solo cappette, sottostrutture per corone o appoggi per ponti, che potevano essere realizzate con facilità su una macchina a tre assi. “Tuttavia – racconta Siebe van der Zel, coo di Cyrtinaper produrre pezzi più complessi in modo efficiente, sapevamo di dover passare a delle macchine a cinque assi. In seguito a uno studio dei diversi modelli e produttori, abbiamo concluso che Haas offriva il migliore rapporto qualità-prezzo”.

Cyrtina cercava una macchina robusta con la capacità di produrre pezzi in metallo 24 ore al giorno e ha scelto quindi un centro di lavoro CNC su cinque assi Haas VF-2 con mandrino da 30.000 giri/minuto. Nel 2011 l’azienda ha acquistato anche una fresatrice da ufficio Haas OM2, principalmente per la lavorazione dell’ossido di zirconio, un materiale inorganico a base metallica utilizzato comunemente nell’odontoiatria moderna. Una seconda fresatrice Haas OM2 è stata aggiunta alcuni mesi dopo nel 2012.

Col passare degli anni, gli odontotecnici, che solitamente producevano impianti dentari completamente a mano lavorando la porcellana, hanno iniziato a pensare di investire nelle macchine utensili per creare da soli le cappellette – spiega van der Zel -. Sapevamo che era arrivato il momento di evolverci e di produrre anche corone. Abbiamo allora sviluppato e brevettato un prodotto chiamato Primero: una corona a strati creata con Cadcam”.

Naturalmente, come in numerosi settori, Cyrtina deve affrontare una concorrenza spietata da parte della Cina. Ad esempio, le corone nei Paesi Bassi costano in media circa 250 euro l’una, mentre le corone cinesi vengono vendute tra i 160 e i 200 euro. Di conseguenza, circa il 40% delle corone del mercato olandese provengono dalla Cina. Ma ci sono degli inconvenienti. “I nostri tempi di produzione sono di quattro giorni, ma dalla Cina si tratta solitamente di due o tre settimane – sottolinea van der Zel -. In secondo luogo, ai dentisti piace l’uniformità; la loro attività principale è la cura dei pazienti, quindi una corona impeccabile e con un attacco eccellente è essenziale. Soprattutto, non vogliono dover restituire una corona difettosa. Ciò significherebbe tempo sprecato e un altro appuntamento da prendere con il paziente”.

Cyrtina può produrre 150 corone stratificate con un’unica serie di strumenti di taglio rivestiti in diamante sulla Haas OM2. Sebbene l’ossido di zirconio sia morbido, è estremamente abrasivo. Le corone prodotte qui rappresentano un sistema in due componenti: la parte inferiore è in zirconio, mentre lo strato esterno è in porcellana. “Fresiamo la cappelletta e la posizioniamo in un blocco fresato dove creiamo il perno – continua van der Zel -. Attorno a questo perno è presente una cavità fresata che viene riempita con un materiale di porcellana liquida che abbiamo creato noi stessi. La corona viene quindi posizionata in un sistema a compressione e compattata, prima di essere asciugata per creare una struttura cristallina, simile allo zucchero. Usiamo quindi la OM2 per fresarla nella forma ‘verde’ prima di cuocerla nel forno. In seguito presenta le stesse caratteristiche dell’acciaio temprato. È praticamente impossibile romperla ed è in grado di sopportare pressioni estremamente elevate. La chiamiamo ‘acciaio ceramico’ e per tale motivo le nostre corone vengono fornite con una garanzia di cinque anni”.

Cyrtina ha rinominato questo processo “odontoiatria computerizzata collaborativa“: quasi ogni aspetto dell’attività e della funzione di produzione è infatti automatizzato. “Gli ordini passano automaticamente attraverso il nostro flusso di lavoro, che include un programma per percorso calcolato di fresatrice usando il software CAM PowerMill di Delcam per la Haas VF2 – aggiunge van der Zel -. Alcuni dei pezzi che lavoriamo, come puntelli sottoposti a indexaggio, ad esempio, richiedono la realizzazione di fori secondo angoli diversi e per tale motivo usiamo una lavorazione a 3+2 assi su tutte e tre le macchine Haas“.

van der Zel ha conosciuto inizialmente Haas grazie a internet, prima di scoprire che anche uno dei suoi concorrenti sul mercato usava macchine Haas. “Haas è nota per la produzione di macchine che funzionano sempre – afferma -. Il prezzo della macchina è un fattore molto importante che viene rispecchiato dal prezzo del prodotto finale. Dal punto di vista della precisione, dobbiamo ottenere 20 µm, che non rappresentano un problema per le macchine Haas. Infine, le macchine Haas creano i nostri prodotti in base alle specifiche, non si rompono mai e grazie a ciò stiamo guadagnano moltissimo. Inoltre, si tratta di una macchina facile da utilizzare: in due giorni è possibile utilizzarla, anche con poca o nessuna esperienza”.

Cyrtina ambisce ad acquisire almeno il 10% del mercato olandese entro la fine del 2016. Per raggiungere tale obiettivo, la società ha appena firmato un contratto con un gruppo investitori che parteciperà alla commercializzazione dei suoi prodotti. Inoltre, Cyrtina sta costruendo un’ulteriore struttura per le vendite con tanto di nuovo direttore vendite. “È molto importante che il nostro modello commerciale sia scalabile – precisa van der Zel -. Verso la fine del 2016 intendiamo espanderci oltre il Benelux verso la Spagna, la Francia, l’Italia e in particolare la Germania: i tedeschi spendono moltissimo in cure odontoiatriche“.

Continueremo a lavorare con Haas in qualità di nostro partner fornitore di macchine utensili e sostituiremo lentamente le nostre macchine più anziane a tre assi con i modelli OM2 di Haas in modo da poter garantire qualità e operazioni uniformi – conclude van der Zel -. I giorni dell’odontotecnico tradizionale che prende una cappelletta e la crea manualmente con la porcellana sono veramente contati. Il futuro risiede nella lavorazione automatizzata delle protesi dentarie. I costi verranno ridotti e le protesi diventeranno accessibili a molte più persone”.

Per scoprire come le macchine Haas facilitano il lavoro dei tecnici Cyrtina, vi consigliamo il seguente video: https://www.youtube.com/watch?v=td_Lu0DDA10&list=PLIpdfqwvUhG_mDycX8T-323Ynzb_Ur5kg.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here