La qualità italiana alla conquista di Hannover

0
214
Sigma Compact 3A

Ottimo rapporto qualità-prezzo e alto valore tecnologico. Saranno queste, ancora una volta, le caratteristiche distintive delle macchine Sigma in esposizione alla prossima EMO 2013 (16-21 settembre 2013, Hannover). Di seguito una loro breve descrizione.

 

Compact 3A

Compact 3A rappresenta la nuova famiglia di centri di lavoro verticali Sigma a tre assi e a tavola mobile, di taglia media. La macchina incorpora gli accorgimenti progettuali distintivi del “Sigma DNA” che assicurano benefici tipici di macchine di fascia superiore, garantendoli a costi orari decisamente competitivi. Compact 3A comprende tre modelli con corsa dell’asse X di 800 mm, 1.000 mm e 1.250 mm rispettivamente per le versioni S, M e L, asse Y 620 mm e asse Z 600 mm, rapidi 40 m/min ed accelerazione 5 m/s2. La configurazione a tavola mobile sull’asse X permette di valorizzare le caratteristiche di precisione e qualità finale dei particolari lavorati. I motomandrini garantiscono una coppia fino a 235 Nm e potenza fino a 35 kW con diverse velocità di rotazione: 10.000, 13.000, 18.000 e 24.000 giri/min. Completano l’equipaggiamento di Compact 3A il magazzino utensili fino a 30 posti, il dispositivo Sigma Tool Check dedicato alla gestione dei singoli utensili che non interrompe il ciclo di lavorazione e i sistemi di compensazione elettronica delle derive termiche e di regolazione dinamica in fresatura. Ecco alcuni settori di utilizzo: stampi e matrici, automotive, meccanica generale di precisione, medicale e riduttori.

Sigma Compact 3A

 

Compact 5A

Compact 5A è l’innovativo centro di lavoro verticale Sigma a tavola mobile e a cinque assi continui, di taglia media. La macchina, dotata di strutture generosamente dimensionate e realizzate in ghisa, è concepita nella configurazione con tavola girevole (asse B continuo: 360°) annegata alla tavola mobile (asse X) e alla testa di fresatura basculante (asse C continuo: ±110°). Un insieme di accorgimenti che permettono di valorizzare le caratteristiche di precisione e qualità finale dei particolari lavorati. Compact 5A dispone di corse assi lineari X 1.250, Y 620 mm e Z 750 mm, rapidi 40 m/min ed accelerazione 3,5 m/s2. I motomandrini assicurano una coppia fino a 180 Nm e potenza fino a 33 kW con diverse velocità di rotazione: 12.000, 18.000 e 24.000 giri/min. Il magazzino utensili, strutturalmente scollegato dai movimenti degli assi della macchina, consente di caricare e scaricare gli utensili e di gestirli, in completa sicurezza, senza interrompere il ciclo di lavorazione e azzerando i tempi morti. La capacità del magazzino utensili (fino a 40 posti) risulta amplificata grazie alle funzionalità dell’esclusivo dispositivo elettronico Sigma ToolCheck. I settori di utilizzo di questa macchina sono: stampi e matrici, automotive, aerospace, meccanica generale di precisione, medicale e riduttori.

Sigma Compact 5A

 

Flexocell

La cella flessibile robotizzata di fresatura Flexocell costituisce la risposta Sigma alle esigenze degli utilizzatori finali per una produzione flessibile e automatizzata, a costi estremamente competitivi, di particolari complessi e precisi, in lotti di piccole-medie dimensioni, “just in sequence”, in assenza dell’intervento diretto dell’operatore per le operazioni automatiche di cambio tipo.

Grazie alla Flexocell, Sigma amplia la propria capacità di soddisfare maggiormente le esigenze produttive di quei settori applicativi in cui già opera. La valenza innovativa di Flexocell, infatti, è legata alla sua indipendenza dalla specifica applicazione del cliente. Si tratta di un prodotto che può essere variamente configurato sulla base di qualunque esigenza applicativa proveniente da quella fascia di utilizzatori impegnati in lavorazioni fino a 6 assi continui su pezzi morfologicamente complessi, anche su materiali difficili da lavorare, che richiede maggiore autonomia di funzionamento, ulteriore flessibilità e livelli di affidabilità massimi, proprio per poter impiegare la cella in turni non presidiati.

Flexocell non è focalizzata su un determinato settore applicativo: la cella considera il ruolo predominante della macchina utensile Sigma che conserva la propria valenza applicativa trasversale.

Il robot rappresenta un ampliamento del perimetro della macchina Sigma che diventa un unicum in un ambiente produttivo dove si fanno lavorazioni meccaniche, nel pieno rispetto dei molteplici obiettivi di progetto: flessibilità, standardizzazione, autonomia, scalabilità, riduzione del costo dell’investimento e redditività del capitale investito.

Flexocell, è un prodotto intuitivo, modulare e chiaramente vantaggioso per il cliente, perché consente di raddoppiare la capacità produttiva del centro di lavoro.

La tradizionale configurazione a tavola mobile di questa tipologia di macchine Sigma consente di realizzare una soluzione senza vincoli di accessibilità all’area di lavoro e con grande visibilità dei pezzi in lavorazione, offrendo al contempo anche la possibilità di funzionamento dell’impianto in versione stand alone.

Flexocell, sviluppata in collaborazione con Fanuc, si applica a qualunque modello di centro di lavoro verticale appartenente alla gamma di produzione Sigma (equipaggiato con CNC Fanuc) integrando il robot antropomorfo multiassi Fanuc, unitamente ad altre stazioni ausiliarie realizzate su richieste specifiche.

Una soluzione che è caratterizzata da elevata versatilità e autonomia di funzionamento: integrando il sistema pallet con il centro di lavoro Sigma, equipaggiato con il CNC Fanuc ed asservito dal robot Fanuc, l’utilizzatore finale può contare su una lunga autonomia di programmazione della produzione, per la quale la sequenza dei pezzi da lavorare può essere variata in qualsiasi momento. Scenario, quest’ultimo, che sempre più si rivela un’esigenza per una produzione efficiente composta da lotti piccoli, da evadere in tempi ridotti, con sequenze predeterminate che possono subire variazioni, comunque pianificate, in funzione delle necessità del mercato.

A seguito di una valutazione dei costi/benefici in termini di flessibilità della proposta produttiva, l’offerta Sigma di manipolazione dei pallet tramite robot antropomorfo risponde in modo efficace alle esigenze di fornire una soluzione modulare dal basso impatto del costo dell’investimento, scalabile nel tempo per effetto dell’incremento, anche in periodi successivi, della numerosità dei pallet da gestire, ed aperta con più funzionalità garantite da più stazioni accessorie.

In tale contesto, il robot diventa l’elemento centrale nella manipolazione ottimizzata delle risorse perché elimina il bisogno di dover disporre di ulteriori interfacce per l’interconnessione delle singole stazioni accessorie: carico/scarico pezzi, riconoscimento pezzo, calibrazione, lavaggio, magazzino utensili…

Tramite l’utilizzo del CNC Fanuce del robot Fanuc, la cella flessibile robotizzata garantisce quindi la possibilità di collegamento tramite rete Ethernet/IP per uno scambio dati veloce e potente, così come la completa integrazione nativa nel robot del sistema di visione iRVISION che velocizza e rende più affidabile lo scambio di informazioni e la funzione Dual Check Safety, per una migliore interazione in sicurezza tra le zone di lavoro manuali e quelle automatizzate.

Per Flexocell sono disponibili le funzioni Robot Integration Function con le quali è possibile visualizzare sullo schermo del CNC della macchina Sigma le videate del robot e viceversa, consentendo l’interazione uomo-macchina da entrambe le console. Flexocell può essere utilizzata nei seguenti campi: stampi e matrici, automotive, meccanica generale di precisione e medicale.

In occasione della EMO 2013, la cella flessibile di fresatura Flexocell supporterà il nuovo centro di lavoro verticale a tavola mobile Compact 3A, a tre assi, allestito con CNC Fanuc 0i-MD ed il robot antropomorfo Fanuc R1000-iA/80F.

Sigma Flexocell

 

Alliance

Il centro di lavoro verticale Alliance a 3 assi recepisce le specifiche tecnico-funzionali-prestazionali definite da Sigma per i mercati globalizzati. Alliance rappresenta la sintesi del primo progetto industriale congiunto condotto da parte dei due brand di riferimento Sigma e Feeler, rispettivamente per FFG Europe e Fair Friend Group (FFG), nell’ambito dei centri di lavoro verticali, con l’obiettivo di realizzare una classe di prodotti cosiddetti “global”, che mettono a fattor comune il know-how market oriented del brand Sigma nel settore delle macchine utensili ad alte prestazioni con l’esperienza della produzione di grande serie del brand Feeler. La produzione di Alliance avverrà nell’ambito della joint venture Feeler-Sigma, nel nuovo stabilimento di Taichung, già in avanzata fase di realizzazione. Alliance, le cui strutture sono completamente in ghisa monolitica, comprende due modelli con corsa dell’asse X di 800 mm e 1.000 mm, asse Y 520 mm, asse Z 505 mm con guide integrate box-type, rapidi 30 m/min. I mandrini garantiscono una coppia fino a 95 Nm e potenza fino a 15 kW, con velocità di rotazione di 12.000 giri/min. Il magazzino utensili a disco, è disponibile fino a 24 posti standard (30 opzionale), con selezione utensile random e braccio di scambio a doppia pinza. Alliance racchiude alcune peculiarità del “Sigma DNA”: concept design, adeguamento catena cinematica degli assi lineari, sistema di bilanciamento pneumatico asse Z, righe ottiche pressurizzate su tutti gli assi lineari, Sigma ToolCheck,CNC di ultima generazione, progettazione e componentistica elettrica secondo normativa EN ISO 13849 (safetyintegrated), progettazione software e PLC. Tra i suoi principali settori applicativi ricordiamo l’automotive, gli stampi, le matrici e la meccanica in generale.

Sigma Alliance

 

Typhoon

Il nuovo centro di lavoro verticale Typhoon a 5 assi continui, con polso basculante monobraccio (asse A) e con funzione di supporto della tavola girevole integrata di diametro 600 mm (asse C) di nuova generazione, sintetizza tutte le specifiche tecnico-funzionali-prestazionali che da sempre distinguono il marchio Sigma. Typhoon, analogamente a Alliance, rappresenta la sintesi del primo progetto industriale congiunto condotto da parte dei due brand di riferimento, Sigma e Feeler, rispettivamente per FFG Europe e Fair Friend Group (FFG), con l’obiettivo di realizzare una classe di prodotti cosiddetti “global” nell’ambito della joint venture Feeler-Sigma, nel nuovo stabilimento di Taichung. Typhoon, le cui strutture sono completamente in ghisa monolitica, è disponibile con corsa dell’asse X di 460 mm, asse Y 520 mm, asse Z 400 mm, rapidi 30 m/min. I mandrini permettono una coppia fino a 108 Nm e potenza fino a 17 kW, con velocità di rotazionedi 15.000 giri/min. Il magazzino utensili a disco, è disponibile fino a 30 posti standard, con selezione utensile random e braccio di scambio a doppia pinza. Typhoon recepisce alcune peculiarità del “Sigma DNA”: concept design, adeguamento catena cinematica degli assi lineari, assi A e C rotativi azionati da motori torque raffreddati ad acqua, righe ottiche pressurizzate su tutti gli assi lineari, encoder angolare assoluti sui due assi rotativi, Sigma ToolCheck, sistema di bilanciamento pneumatico asse Z, progettazione e componentistica elettrica secondo normativa EN ISO 13849, progettazione software e PLC. Settori di utilizzo: stampi e matrici, prototipazione e meccanica generale.

Sigma Typhoon

Sigma, contatto diretto: 0381 3051

EMO 2013 Hannover: Pad. 27 – Stand B08

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here